SERMIG e Associazione L’Esperienza

SERMIG e Associazione L’Esperienza

postato in: Appuntamenti, Associazione, News, Notizie | 0

 


È urgente risvegliare la coscienza personale e collettiva senza urlare, con fermezza, coerenza di vita, ragionamenti fatti in umiltà e serenità.
Non abbiamo bisogno di parlar male del male, il male si presenta da sé. Dobbiamo mostrare che il bene è meglio perché fa star bene, porta alla giustizia e alla legalità.
Non possiamo limitarci a essere “contro”, contro i mercanti di bambini, contro la guerra, contro i trafficanti di droga, contro ogni ingiustizia e ogni violenza.
Dobbiamo saper proporre qualcosa di grande per cui valga la pena investire la vita.
Dobbiamo rafforzare il bene, far sì che la luce sia luce e che risplenda.

Un mondo nuovo, diverso, è possibile ma bisogna convertirsi.
Ed è la Luce che converte.
Dobbiamo essere talmente luce da convertire perfino il male.
Dobbiamo far venire la nostalgia del bene, il desiderio di vita vera a chi è nel buio.

 

Allora insieme al prossimo appuntamento …

Il Sermig – Arsenale della Pace con i suoi amici rivolge un appello alla coscienza dell’umanità, e ci invita a Napoli al

4° APPUNTAMENTO MONDIALE GIOVANI DELLA PACE

un APPUNTAMENTO CON LA COSCIENZA!


Gli appuntamenti per l’Associazione L’Esperienza sono i seguenti:

Venerdì 3 ottobre dalle h 21.00 alle h 22.30 nella Basilica di S. Chiara per una VEGLIA DI PREGHIERA per i giovani e per i perseguitati. La Veglia sarà animata dalla Fraternità del Sermig e dai giovani del Sermig di Napoli
 


Sabato 4 ottobre, in Piazza Plebiscito dalle h 14.30 alle h 16.00 per l’animazione dello stand dell’Associazione L’Esperienza, che è stata invitata a prendere parte al percorso …una sorta di viaggio con la coscienza per presentare il nostro impegno e le nostre attività volte a contribuire – insieme a tante altre realtà – ad una società migliore. 

A seguire, dalle h 16.00 alle h 19.00 la manifestazione procederà con un momento di silenzio e di “pensiero”, con testimonianze, contributi video e musicali, danze e animazioni proposte dal Sermig.

Un invito fatto a noi dell’Associazione L’Esperienza, e a tutti i giovani…

 
…per te che sei giovane o giovane dentro,
per te che sei di Napoli o di ogni angolo della terra,
per te che sei stanco di un mondo che non dà spazio ai giovani, di un mondo ancora dilaniato da guerre e persecuzioni;
stanco del potere che vive per se stesso o per gli amici degli amici, di un sistema sociale che lascia 100.000 persone all’anno morire di droga, e altre 100.000 morire di fame ogni giorno;
per i tanti, i troppi che non avranno mai lavoro.

Per te che, nonostante tutto, credi che niente è impossibile, che il poco, il piccolo, l’insignificante ha la forza di cambiare il mondo;
un invito per te che hai capito che ogni rivoluzione violenta aggrava e non risolve il problema.
Questo invito è per te, giovane di buona volontà!

 

Gli Appuntamenti Mondiali dei Giovani della Pace nascono dal desiderio di coinvolgere tanti in questa responsabilità, tanti che dicano “Io ci sto. Ci metto la vita”.
Il “Mondiale” non è una “giornata”, non è uno spettacolo.
È un percorso.
Un cammino di formazione permanente che duri tutta la vita e per tutte le sue stagioni.
Un cammino che porti ognuno di noi ad essere una persona completa, attenta ai segni dei tempi, capace di comprendere ed esprimere la complessità dei problemi, pronta a tradurre in operatività il pensiero maturato.
Una formazione che cresce e si sviluppa su tre dimensioni:

1. il lavoro su noi stessi, per dare valore assoluto alla persona, renderci consapevoli delle nostre potenzialità, e aiutarci ad entrare nell’equilibrio di tutto il nostro essere

2. un impegno coerente nella realtà in cui viviamo, che sia il mondo della scuola, la parrocchia o altri ambiti aggregativi – il quartiere, il paese, la città – come studenti o lavoratori, figli o genitori, laici o religiosi, condotto sempre con spirito di servizio

3. una capacità di sguardo sul mondo: impariamo a guardare al mondo come la casa comune dell’unica famiglia umana. Qualunque gioia o sofferenza, ovunque accada, ci è vicina, attende la nostra commozione e il nostro interessamento.

Per una formazione permanente occorre poi imparare alogorare i gradini dei saggi”, ricercare maestri per crescere nel confronto, un confronto sano con donne e uomini che non predicano, ma vivono la saggezza nel silenzio, nello sguardo, nella compassione, nei comportamenti. Maestri cioè disposti a condividere il sapere, e a far crescere la cultura della vita.


E noi ne abbiamo tanti….

Lascia un commento

Devi aver effettuato il login per lasciare un commento.