L’autentica spiritualità

L’autentica spiritualità

postato in: Card. Ravasi, Mattutino | 0

“Quello che mi fa capire se uno è passato attraverso il fuoco dell’amore divino, non è il suo modo di parlare di Dio, è il suo modo di parlare delle cose terrene”. (Simone Weil)

 

«Perché state a guardare il cielo?» (Atti 1,11). Il monito degli angeli dell’ascensione di Cristo è significativo per esprimere il vero volto del cristianesimo che non è una spinta a decollare dalla realtà verso cieli mitici e mistici. 

Il Regno dei cieli è, sì, trascendente, «celeste» appunto, eppure «è in mezzo a voi», come dirà Gesù, s’incarna in Gerusalemme, cioè nella città delle opere e dei giorni.

«Cercate le cose di lassù non quelle della terra»: l’appello paolino non significa alienazione «celestiale», ma condurre un’esistenza irradiata dallo Spirito di Dio, è diventare creatura nuova e non rimanere «uomo vecchio» legato al peso delle passioni e dei vizi terreni.

Ci può essere un modo predicatorio, retorico, magniloquente di parlare di Dio che forse cattura le orecchie, ma non penetra il cuore facendolo fremere. La cartina di tornasole dell’autentica spiritualità è, invece, quando si parla e si vivono le realtà terrene irradiandole di luce, trasfigurandole in Dio. Il vero profeta è colui che, come diceva un aforisma rabbinico, fa sprizzare scintille divine dalle pietre. 

La verità su Dio s’intreccia con la carità, altrimenti rimane speculazione teorica o enfasi spiritualistica. La verità religiosa è anche azione, perchè la fede percorre le vie della storia e le illumina.

Lascia un commento

Devi aver effettuato il login per lasciare un commento.